Niente capita a nessuno, che questi non sia per natura in grado di reggere. (Marco Aurelio)

Niente capita a nessuno, che questi non sia per natura in grado di reggere. (Marco Aurelio)

Molte volte le persone si lamentano perché sono estremamente sfortunate, capitano tutte a loro, vanno da una disgrazia all’altra.

Intanto la lamentela è negativa, perché non permette di crescere e migliorarsi, ma è semplice da eseguire: basta solo trovare il malcapitato di turno e riversare su di lui l’elenco delle proprie disgrazie.

E’ per questo che non dovresti mai lamentarti quando ti capita qualcosa di negativo, ma prendere questo fatto come un’occasione di crescita, per migliorarti.

E poi queste “disgrazie” altro non sono che prove che ti vengono inviate periodicamente dall’Universo (o da Dio) per mettere alla prova i tuoi talenti e le tue capacità di resistenza. In fondo, nessuno vuole il tuo male, anzi…

Quindi tutto quello che ti capita, ha un motivo per capitarti proprio in quel momento, e soprattutto è calcolato (dalle potenze sovrannaturali) in modo da essere da te sopportato.

Poi a te sta la scelta, in quanto hai due modi per reagire: iniziare a lamentarti, oppure crescere.

Ovviamente, io ti consiglio caldamente la seconda opzione, perché tutto ciò che ti capita ti permette di uscire dalla tua zona di comfort, e quindi di evolverti spiritualmente.

Perché se resti all’interno della tua comfort zone stai bene, certo, ma non puoi crescere, perché che sta bene ed ha già tutto quello che gli serve, non ha bisogno di crescere.

Invece se tu affronterai con coraggio tutte le prove che la vita ti metterà davanti, ben consapevole che sarai in grado di sostenerle e di superarle, la tua crescita sarà assicurata!

Read More

Nessun insegnamento vale quanto l’esempio. (Robert Baden-Powell)

Nessun insegnamento vale quanto l’esempio. (Robert Baden-Powell)

So che si sprecano fiumi di parole e una marea di tempo per spiegare le cose agli altri, e questi ultimi puntualmente non le capiscono. Infatti, non tutti hanno seguito corsi di comunicazione efficace, e pochissimi sono realmente capaci di comunicare.

Quello che in realtà accade è che uno dice una certa cosa e un altro ne capisce un’altra, spesso completamente diversa. Il perché è da ricercare nei filtri della nostra mente.

Infatti noi vediamo e percepiamo la realtà attraverso i filtri delle nostre convinzioni e dei nostri valori, che, come delle lenti, modificano e distorcono il reale, adattandolo alle nostre sensazioni interne. Quindi, due persone che vedono le cose in maniera diversa, difficilmente riusciranno a comunicare in maniera efficace.

Poi ci sono frasi che sono di per sé ambigue. Se per esempio ti dicessi: “Ho visto mangiare un pollo”, tu potresti interpretarla come “Ho visto un pollo che mangiava”, mentre io intendevo dirti “Ho visto un tizio che mangiava un pollo”.

Da tutto questo puoi facilmente capire che le incomprensioni fra le persone sono all’ordine del giorno.

Ma c’è una cosa che mette d’accordo tutti: l’esempio, il mostrare come ci si comporta o come si fanno le cose.

Questo è l’unico modo con cui puoi insegnare qualcosa ad un bambino piccolo. Nei primi anni di vita, i bambini sono totalmente refrattari alle lunghe e noiose spiegazioni ed insegnamenti dei genitori. Per cui, se vuoi spiegargli qualcosa, fagli vedere come si fa. O, se vuoi insegnarli un certo tipo di comportamento, comportati tu come vorresti che si comportasse lui (o lei).

Non puoi pretendere che faccia una certa cosa se tu sei la prima a non farla. O che non faccia una certa cosa se invece tu la fai in continuazione. Devi essere la prima a dare il buon esempio.

E se questo metodo funziona sui bambini, certamente è efficace anche sugli adulti, pur avendo un cervello più analitico.

Per cui, se il tuo interlocutore non capisce, o fraintende quello che gli stai comunicando, smetti immediatamente di perdere tempo con le parole, mostraglielo con un esempio e vedrai che lo capirà meglio!

Read More

Io non sono un prodotto della mia situazione. Io sono un prodotto delle mie decisioni. (Stephen Covey)

Io non sono un prodotto della mia situazione. Io sono un prodotto delle mie decisioni. (Stephen Covey)

La maggior parte delle persone ritiene di essere vittima delle situazioni. Pensa che la colpa di tutto ciò che capita loro, nel bene e soprattutto nel male, sia da imputare a fattori esterni: il governo, la Chiesa, Dio, l’oroscopo, gli alieni, etc.

Questo non è ovviamente corretto, ma li fa stare bene perché è un modo per scaricare la responsabilità degli eventi negativi su cause esterne ad essi.

In realtà la colpa è interna, ed è da ricercare nelle decisioni prese in passato. Questo perché la situazione attuale è un po’ il frutto di tutto quello che abbiamo fatto nella nostra vita, dalla nascita fino ad oggi, di ogni azione ed operazione che abbiamo intrapreso e di tutte le decisioni e scelte che abbiamo dovuto effettuare.

E poi è molto più semplice lamentarsi e piangersi addosso, che prendere in mano la propria situazione, assumersi le proprie responsabilità e decidere di migliorare le proprie condizioni. Perché quest’ultima cosa comporta molte scelte e sacrifici, ma soprattutto comporta di mettersi in moto e fare qualcosa di pratico.

Quindi, se in futuro non vorrai dare la colpa del tuo stato al governo, o compagnia bella, dovrai stare molto attenta e fare le scelte giuste. Non è facile, ovviamente, ma con un po’ di attenzione ci si riesce.

La frase di oggi è stata detta da Stephen Covey, formatore e uomo d’affari statunitense, noto per il suo libro “Le sette regole per avere successo”, che ti consiglio caldamente di leggere perché ricco di spunti interessanti e bei consigli per la vita.

Read More

Possiamo avere di più di quello che abbiamo perché possiamo diventare di più di quello che siamo. (Jim Rohn)

Possiamo avere di più di quello che abbiamo perché possiamo diventare di più di quello che siamo. (Jim Rohn)

Ci sono persone che si accontentano di vivere una vita assolutamente normale: un lavoro normale, una casa normale, una famiglia normale.

Solo che la normalità rischia di sfociare nella banalità e nella noia. Ma allora perché la maggior parte delle persone si accontenta di questo?

Semplice, è tutto legato al fatto che preferiscono rimanere all’interno della loro zona di comfort: un luogo dove si sentono a casa, protetti e al sicuro da tutti i pericoli. Al di fuori c’è lo sconosciuto, l’oscurità… ma c’è anche la crescita e lo sviluppo personale.

E’ per questo che ti dico di non accontentarti mai solo di quello che hai, ma cerca sempre di crescere, evolverti e raggiungere tutti i traguardi e tutti gli oggetti che ti sei prefissata.

Non accontentarti mai di quello che hai: come disse Jim Rohn, celebre speaker motivazionale statunitense, tu puoi avere molto di più di quello che hai, e puoi crescere per diventare molto di più di quello che sei adesso.

Per cui, se vedi qualcosa che ti interessa o ti piace particolarmente, domandati sempre come (e cosa) puoi fare per ottenerlo, eventualmente suddividendo il percorso in tanti sotto-passi più piccoli e facili da raggiungere.

Ma ricordati sempre di coltivare ambiziosi obiettivi, per migliorarti come persona, e soprattutto per uscire dalla tua zona di comfort. Perché se rimani al suo interno, sarai sempre invischiata in una vita normale, ma noiosa e monotona, nella quale non otterrai grandi soddisfazioni.

Perciò, figlia mia, ti faccio tutti i miei migliori auguri affinché tu abbia sempre di più dalla vita, sia cose materiali, che (ancora più importante) soddisfazioni e realizzazione personale, e soprattutto una grande crescita spirituale.

Read More

Anche le torri più alte hanno le loro fondamenta nel terreno. (Proverbio Cinese)

Anche le torri più alte hanno le loro fondamenta nel terreno. (Proverbio Cinese)

Il senso della frase di oggi, un antico proverbio cinese, che mi piace molto, è questo: sogna in grande, ma mantieni sempre contatto con la realtà. Proverbio molto semplice, ma estremamente efficace per esprimere questo concetto.

In edilizia è praticamente impossibile costruire un edificio se non è supportato da solide fondamenta (o, in termine tecnico, “fondazioni”), perché risulterebbe assolutamente instabile e non perfettamente ancorato al terreno. Ed esse devono essere realizzate in modo tale da reggere il peso della costruzione che vi verrà realizzata sopra. Quindi, dovranno essere tanto più robuste e solide quanto più alto sarà l’edificio (in questo caso i tuoi sogni e le tue ambizioni).

In passato ti ho sempre detto di sognare il più in grande possibile, di avere grandi ed ambiziosi obiettivi da raggiungere, quindi di realizzare un “edificio” molto alto, ma dovrai sempre restare connessa con gli aspetti “fisici”.

Perché il “terreno”, ossia la realtà, è quella che darà il nutrimento, un po’ come accade all’albero che prende la linfa dalla terra tramite le sue radici.

Che poi è quella che ti fornirà i mezzi materiali per andare avanti nella tua impresa: soldi, risorse fisiche, tempo: tutto nasce dal mondo reale, non di certo dalla tua immaginazione.

Perciò, nella tua mente abbi pure sogni e obiettivi molto grandi, perché sono quelli che ti spingeranno sempre ad andare avanti, ma resta connessa col tuo corpo alla realtà, perché è quella che ti darà le risorse per realizzarli.

Read More

Mantenere il corpo in buona salute è un dovere, altrimenti non saremo in grado di mantenere la nostra mente forte e chiara. (Buddha)

Mantenere il corpo in buona salute è un dovere, altrimenti non saremo in grado di mantenere la nostra mente forte e chiara. (Buddha)

Finora abbiamo parlato quasi sempre di benessere mentale, raggiungimento degli obiettivi, uscita dalla zona di comfort, ed altro. Tutto legato a mente e spirito.

Ma tutto questo non avrebbe alcun senso se tu non avessi anche un corpo e uno stato fisico in buona salute. Mantenere il corpo sano è fondamentale anche per avere una mente attiva e reattiva. Infatti già gli antichi Romani avevano un proverbio che diceva: “mente sana in corpo sano”.

Quindi, oltre al potenziamento delle tue risorse intellettuali dovrai anche provvedere al mantenimento delle tue risorse fisiche in buona salute.

Come si ottiene questo?

Facendo un buon livello di attività fisica: non ti dico di iscriverti in palestra e di andarci sette giorni su sette per due o tre ore al giorno, ma puoi ottenere discreti risultati anche uscendo di casa e facendoti una bella passeggiata di un’ora in un giorno di sole. Oppure anche una corsetta ti può fare molto bene. In questo caso ricordati una cosa che ho scoperto in anni e anni di esperienza e pratica: se vuoi andare a correre scegli una giornata calda, asciutta e ventilata.

Un’altra pratica che puoi seguire è quella di respirare a fondo, specialmente se sei all’aria aperta e in un posto con l’aria pulita, tipo l’alta montagna o un bel prato lontano da fonti di inquinamento. Inspirare ed espirare a fondo ti permette di ricambiare completamente l’aria all’interno dei tuoi polmoni, che dopo un po’ tenderebbe a ristagnare.

Infine cura l’alimentazione: su questo argomento esistono decine di teorie e stili di vita, tutti più o meno validi. Un consiglio che ti voglio dare è questo: bevi molta acqua e usa poco sale (o ancora meglio niente, se ci riesci).

Perciò, figlia mia, segui il consiglio che hanno dato Buddha e gli antichi Romani secoli e secoli fa: mantieni il tuo corpo in buone condizioni fisiche per potere avere una mente e un’intelligenza brillante!

Read More
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusVisit Us On PinterestCheck Our Feed